I giovani e la Rete tra approcci e cyberbullismo

CyberBullismo

I giovani e la Rete tra approcci e cyberbullismo

I deboli e gli indifesi sono sempre stati soggetti a sopprusi da azioni compiute da coetanei o quasi.

In questa era dove siamo pioneri dell’informatica i bulli trovano maggiore protezione dietro a maschere e anonimato,

Quanto influenza il cyberbullismo nella vita dei nostri ragazzi?

Stando a quanto si può leggere, l’influenza del bullismo è uguale a quella del cyberbullismo e chi subisce queste azioni non sempre lo riferisce ai genitori per paura delle minacce subite.

Come evitare il cyberbullismo sui nostri ragazzi?

In questi casi il compito dei genitori non è facile in quanto i giovani tendono a nascondere molte attività su internet, in quanto attratti dalla rete e dalla quantità di informazioni che se ne traggono spesso si affacciano anche ad argomenti non pertinenti.

Sarebbe però opportuno, come nei casi di bullismo reali, invitarli a parlare delle problematiche di disturbi da coetanei, anche perchè non sempre i ricatti sono veritieri.

Il sesso e la Rete

La scoperta e l’avventura elimina ogni freno sui nostri ragazzi, che si lanciano anche cyber avventure, magari certi che la cosa possa toccarli meno dal vivo, purtroppo non è così ed anche qui ci vuole molta attenzione sia da parte dei ragazzi stessi che dai genitori.

Ma chi è un cyberbullo?

Un’età compresa tra i 10 e i 16 anni, un’immagine di bravi studenti, una competenza informatica superiore alla media, incapacità a valutare la gravità delle azioni compiute online: questo l’identikit del cyber bullo, che usa internet per realizzare quello che magari non riesce a vendicare nella vita reale, quello che non ha il coraggio di fare nel cortile della scuola.
Si conoscono tra i banchi di scuola o nella palestra del pomeriggio. Tramite il click del mouse, si sostituiscono ai compagni di classe più timidi sui social network, a nome di altri diffondono immagini e informazioni riservate tramite mms sui telefonini, raccontano particolari personali o dichiarano disponibilità sessuali a nome delle compagne: questi i comportamenti devianti più spesso arrivati all’attenzione degli agenti della Polizia delle Comunicazioni.
Quando dopo una denuncia intervengono gli agenti per fermare azioni di bullismo spesso si hanno delle reazioni di stupore di vergogna e lacrime da parte dei cyber bulli più giovani che ovviamente non si sono resi conto di quanto fosse stato feroce il loro modo di prendere in giro qualcuno.
Il quadro cambia notevolmente con l’avanzare dell’età dei cyber bulli, i comportanti diventano più articolati, più vessatori, più simili ai maltrattamenti ripetuti, agli insulti davanti agli amici, tipici del bullismo “reale”.
Numerosi i casi negli ultimi anni, ma nulla vieta di ritenere che i giovani tengano sotto silenzio molte delle prepotenze online perché non sanno che esistono leggi per tutelarli e perché in fondo la sofferenza di “leggersi” insultato sul web è motivo di vergogna, è testimonianza di debolezza che non si vuole confessare, nemmeno alla Polizia.
La Polizia delle Comunicazioni promuove progetti e campagne di sensibilizzazione per rendere coscienti i giovani di questo cattivo uso della rete perché solo una buona informazione può aiutare a tutelare i minori e non solo.

Fonte: Polizia di Stato

Sono sempre esiste delle protezioni per i minori e l’utilizzo di internet, con cellulari, smartphone e tablet il controllo diventa più arduo, attualmente Kaspersky ha messo a disposizione degli utenti un sistema di protezione: Kaspersky Safe Kids, che:

consente di monitorare le comunicazioni.

Permette di monitorare le comunicazioni dei tuoi figli, incluse quelle su Facebook, oltre alle chiamate e ai messaggi SMS sui dispositivi Android

Protegge dai rischi online

Ti aiuta a guidare i tuoi figli, per farli accedere a siti Web, contenuti e applicazioni da te indicati come appropriati per la loro età

Conferma la posizione dei bambini

Mostra la posizione dei tuoi figli su una mappa in tempo reale e ti avvisa se escono dall’area sicura che hai definito

Gestisce il tempo di utilizzo del dispositivo

Ti aiuta a insegnare ai tuoi figli il corretto uso del Web e dei dispositivi, in modo che possano gestire meglio il loro tempo

Kaspersky mette a disposizione sia una versione gratuita, la trovate on line sul sito uffiale, che una versione a pagamento, quet’ultima completa di tutti i componenti.

Funziona su Windows, MAC, iPhone e iPad, Android

La versione a pagamento la trovate anche nel nostro negozio on-line

 

 

 

 

 

 

Circa Staff

Vedi anche

iPhone saturimetro

Pulse Oximeter – pulsimetro per iPhone

Un pulsimetro (Pulse oximeter) per iPhone dopo aver discusso l’argomento di un saturimetro per Android …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.