Sponsor

Sicurezza informatica obbligatoria e multe a chi sgarra. Era ora!

L’articolo qui sotto sottolinea quanto sia importante la sicurezza, specialmente nelle aziende, comuni, ospedali e in qualsiasi altro Sistema Informatico in cui siano depositati dati sensibili di privati, aziende, professionisti e attività commerciali.

Dopo la legge dei cookies, che non è stata compresa nella sua serietà, sul livello di privacy è comunque importante capire quanto sia importante non solo la sicurezza aziendale nell’ambito dei dati sensibili, ma anche per la stabilità aziendale sia nel funzionamento che nel commercio. Non avete nemmeno idea quante volte capiti a professionisti nel settore che venga chiesto di trafugare l’elenco clienti di un’altra azienda o di mettere fuori uso i sistemi informatici dell’azienda concorrenziale.

Prima che effettivamente vengano messe delle leggi o normative con controlli e sansioni per mancato rispetto della sicurezza è bene pensare a dei piani di attuazione.

 

Le autorità statunitensi potranno multare le aziende che non prendono sul serio la sicurezza informatica.

Negli Stati Uniti un giudice riconosce all’autorità per il commercio il diritto di multare le società che non fanno abbastanza per proteggere i propri utenti contro i crimini informatici. Un piccolo passo verso un mondo più sicuro per tutti noi, che per una volta non infastidisce i consumatori ma le grandi aziende.

Si tratta di una svolta importante e di una prima volta storica, perché mai prima d’ora un’autorità nazionale aveva avuto un potere simile. Similmente a quanto accade, per esempio, con le automobili, la FTC potrà stabilire dei parametri di sicurezza informatica e obbligare le aziende a rispettarli.

Succede qualcosa di simile, in Europa, con la conservazione dei dati e la privacy; in Italia è appunto il Garante per la privacy a occuparsi della questione, mentre la Federal Trade Commission è l’autorità che regola le attività commerciali in generale, qualcosa di simile alla nostra AGCM ma con maggior potere.

Bisognerà comunque vedere in che modo tale potere sarà esercitato. In ogni caso, il pronunciamento del giudice “riafferma che la FTC ha l’autorità di ritenere le aziende responsabili nel proteggere i dati dei consumatori”, ha commentato la presidente della stessa FTC, Edith Ramirez.

 

Sorgente e testo completo: Sicurezza informatica obbligatoria e multe a chi sgarra. Era ora!

 

 

 

Nel Web

Cerca con Google

google-searchNon hai trovato quello che cercavi?

prova a fare una ricerca con Google